Sinfonia Beckettiana

anno: 2018

 

viaggio nell’immaginario di Samuel Beckett e Alberto Giacometti
ideazione Maurizio Lupinelli, Elisa Pol
regia Maurizio Lupinelli
musiche di Arvo Pärt e Valentyn Syl’vestrov
disegno luci Filippo Trambusti
costumi Maria Chiara Grotto
con Duccio Amari, Paolo Faccenda, Gianluca Mannari, Francesco Mastrocinque, Federica Rinaldi, Cesare Tedesco, Gemma Tognotti
piano Matteo Ramon Arevalos
violino Stefano Gullo
produzione Nerval Teatro, Ravenna Festival, Armunia Festival Inequilibrio
con il sostegno di Regione Toscana-Settore Spettacolo
in collaborazione con Cooperativa Sociale Nuovo Futuro
foto DIANE|ilariascarpa|lucatelleschi

 

debutto spettacolo Ravenna Festival 2018, Ravenna

 

Quasi due stralunati fratelli. Beckett e Giacometti si conoscevano bene, e la loro arte aveva molto in comune: i personaggi tentennanti del primo somigliavano alle statue del secondo, esili, inquietanti, quasi fossero sul punto di sparire. Da anni Nerval Teatro porta avanti laboratori teatrali per persone diversamente abili. Questa “sinfonia” vede protagonisti cinque di questi attori, che si confrontano con i classici del teatro beckettiano, con l’immaginario di Giacometti e con la musica di Arvo Pärt e Valentyn Syl’vestrov che, eseguita dal vivo, si rivela componente essenziale di questo lavoro. Ed è proprio grazie alla loro spontanea e disarmante leggerezza che le visioni di Beckett e Giacometti rivivranno nitide sulla scena.

 

“Sinfonia Beckettiana è la conferma di una potenzialità “autorale” da parte dei cinque bravi attori in scena, cresciuta nel corso del lavoro laboratoriale con persone diversamente abili che Maurizio Lupinelli conduce da anni nella residenza di Armunia, a Castiglioncello. Di qui il progressivo cambiamento del ruolo di regista: “Rendo organico – dice- il materiale che loro creano”. Ed una “organicità” straordinariamente complessa quella che vediamo in questa Sinfonia.”
[L. Caretti, Sinfonia Beckettina, Hystrio, 2019]


rassegna stampa

Category

Lab Permanente