Maurizio Lupinelli

Comincia ad affermarsi nel panorama teatrale italiano nel 1986 con lo spettacolo Harvè Harvè, insieme a Danilo Conti, per la regia di Maria Martinelli. In seguito lavora con Marcello Aliprandi nel film Quando non c’erano ancora i Beatles, prodotto da Rai 3. Nel 1989 realizza con Eugenio Sideri realizza La mia casa, da H. Böll, presentato al festival di Santarcangelo e seguito da una fortunata tournée nei due anni successivi. Dal 1990 fa parte del Teatro delle Albe ed è membro di Ravenna Teatro (Centro stabile di promozione e ricerca teatrale), con cui realizza Incantati, All’inferno, Perindherion, I Polacchi, Sogno di una notte di mezza estate, I Refrattari, Salmagundi, scritti e diretti da Marco Martinelli, spettacoli che vanno in scena nei maggiori teatri italiani ed europei. Nel 1991 Lupinelli fonda, insieme a Marco Martinelli, la non-scuola, esperienza teatrale all’interno degli istituti superiori di Ravenna, tuttora in atto. Si tratta di un’esperienza che coinvolge, ogni anno, oltre 400 giovani e che è divenuta punto di osservazione per molti studiosi ed addetti ai lavori. Dal 1997 inizia a lavorare con ragazzi portatori di handicap, sia fisico che psichico: realizza a Ravenna Woyzech. Nel 1999 a Lerici (SP) inaugura una collaborazione con il centro disabili Pl.e.ia.di e debutta nel giugno 2000 con Hallo Kattrin, tratto da Madre coraggio di B.Brecht. Allo spettacolo si affianca un importante progetto di studio e il convegno “Verso un teatro degli esseri”, coordinato da Gerardo Guccini (docente del D.A.M.S. di Bologna), al quale prendono parte i più importanti gruppi teatrali e i maggiori artisti che lavorano con situazioni di disagio. Nel 2001 realizza con Eugenio Sideri Ella di E. Achternbusch, spettacolo che per l’intensità dell’interpretazione gli è valso la segnalazione ai Premi UBU come migliore attore italiano. Nel 2004 con la messa in scena di Uno Studio per Marat-Sade tratto dal Marat-Sade di Peter Weiss prosegue l’esperienza con il centro disabili Pl.e.ia.di. Nel 2007, per volontà di Armunia Festival Costa degli Etruschi, il progetto approda nella provincia di Livorno e porta alla realizzazione del MARAT, liberamente tratto da Marat-Sade di Peter Weiss, prodotto da Armunia e Casarsa Teatro, in collaborazione con l’Associazione Culturale Pl.e.ia.di. di Lerici e la Cooperativa sociale Nuovo Futuro di Rosignano Marittimo (LI), con oltre  quaranta protagonisti tra attori diversamente abili della Bassa Val di Cecina e del territorio spezzino, studenti delle scuole superiori e allievi della Non-Scuola di Ravenna. Nel 2008 a Milano il MARAT ha inaugurato il Teatro La Cucina nell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, luogo di pena e di cura convertito in luogo d’arte grazie all’impegno dell’Associazione Olinda. Nel 2006 Maurizio Lupinelli decide di uscire dal Teatro delle Albe e fondare nel 2007, con Elisa Pol, la compagnia Nerval Teatro. Nel 2007 inizia un viaggio artistico attraverso i testi teatrali di Antonio Moresco. Interpreta Fuoco Nero -monologo scritto in omaggio a Lupinelli stesso-, e l’anno successivo firma la regia di Magnificat che ha quale protagonista Elisa Pol. Entrambi gli spettacoli hanno debuttato al festival Inequilibrio di Armunia, Castiglioncello (LI). Nel 2008 cura la direzione artistica del progetto I Crociati, che si articola in una serie di laboratori rivolti ad adolescenti delle scuole di Afragola e del campo rom di Scampia. Il progetto è stato promosso da PuntaCorsara e Fondazione Napoli Festival. Nel 2009 è impegnato nell’allestimento di AMLETO!, dall’Amleto di William Shakespeare, prodotto da Armunia e Olinda nell’ambito del progetto Incontro Mancato. Lo spettacolo debutta nel 2009 alla Festa del Teatro di Milano e ha come protagonisti in scena i ragazzi della Cooperativa sociale Nuovo Futuro di Rosignano Marittimo e un gruppo di ragazzi e adulti ospiti dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini. Nel 2010 Maurizio Lupinelli firma Appassionatamente, una scrittura originale tratta dai testi dell’autore austriaco Werner Schwab. In scena oltre allo stesso Lupinelli, due attori professionisti e tre attore disabili. Il lavoro debutta a Ravenna Festival e viene prodotto da Armunia, 3 Bis F di Aix En Provence, Olinda (Teatro La Cucina ex ospedale psichiatrico Paolo Pini di Milano), Arboreto (Teatro dimora di Mondaino) e Istitut Français ed è protagonista di numerose repliche in Italia e in Francia. Nel 2011 dirige Psicosi delle 4 e 48 di Sarah Kane con in scena Elisa Pol, che debutta al festival Inequilibrio. Sempre nello stesso anno cura la direzione artistica di Teatro portasud, un progetto di teatro e comunità rivolto ai cittadini dei quartieri degradati di Marghera. Dopo avere guidato una ventina di attori-abitanti in un percorso di avvicinamento al teatro debutta nella corte di via Rinascita con Mercanti, messinscena liberamente tratto dal Mercante di Venezia di Shakespeare. L’ iniziativa è promossa  dal Comune di Venezia, Etam-Animazione Comunità e Territorio in collaborazione con Echidna- paesaggio culturale. Nel 2012 debutta al festival Inequilibrio di Armunia con Che cosa sono le nuvole, liberamente tratto dall’omonimo cortometraggio di Pier Paolo Pasolini. In scena 13 attori diversamente abili, utenti della Cooperativa Sociale Nuovo Futuro di Rosignano Marittimo con cui lavora da anni. Nello stesso anno realizza Gli Uccelli di Aristofane con le famiglie degli ex-minatori della comunità di Gavorrano (GR). Nel 2013 interpreta e cura la regia de Le Presidentesse di Werner Schwab, seconda tappa del progetto dedicato all’autore austriaco. Sempre nel 2013 è in scena con Roberto Abbiati nello spettacolo per l’infanzia intitolato Carezze, di Maurizio Lupinelli e Roberto Abbiati. Nel 2014 interpreta Canelupo Nudo di Rita Frongia per la regia del maestro Claudio Morganti.
Nel 2015 realizza Attraversamenti liberamente ispirato al mondo e ai personaggi di Samuel Beckett. In scena 15 attori diversamente abili, utenti della Cooperativa Sociale Nuovo Futuro.
Nel 2016 inizia un percorso di esplorazione dell’universo poetico di R.W.Fassbinder. La prima tappa svoltasi a Berlino, dopo un seminario intensivo per attori residenti a Berlino ha messo in scena la pièce Sangue sul collo del gatto di R.W. Fassbinder nei magazzini sotteranei della Kindl Brauerei Berlin a Neukölln.

 

 

Un pensiero su “Maurizio Lupinelli

  1. Buonasera,

    mi chiamo Giulia Antelli e sono una laureanda in Lettere Moderne presso l’Università di Firenze.
    La mia tesi di laurea è su Psicosi delle 4.48 di Sarah Kane, e vorrei chiedere un’informazione in merito alle performance: sto cercando un video dello spettacolo, ma sul web non riesco a trovarlo in alcun modo, essendoci solo spezzoni o trailer.
    Il Sig. Luca Scarlini mi ha gentilmente consigliato di chiedere al Sig. Maurizio Lupinelli, potreste indicarmi un contatto dove poter chiedere a lui?

    Grazie mille

    Giulia Antelli