Premessa

 

Il teatro è di tutti, è uno strumento per darsi delle risposte, per confrontarsi con i propri limiti e donarsi alla comunità”.

M. Lupinelli

Da qui cominciamo…

 

Questa breve citazione di Maurizio Lupinelli esprime bene la spinta e la necessità che hanno portato l’Associazione Nerval Teatro a dare vita al Laboratorio Permanente, un progetto culturale di inclusione sociale con persone diversamente abili del territorio della bassa Val di Cecina. Il progetto è nato alla confluenza di diverse e distinte realtà quali Armunia di Castiglioncello (LI), la Cooperativa Sociale Nuovo Futuro di Rosignano Marittimo (LI) e la Regione Toscana. Utilizziamo la parola Laboratorio Permanente proprio perché non si tratta di un’attività episodica, ma di un itinerario di accompagnamento di lungo respiro che ha dato e continua a dare ad un gruppo di persone che vivono esperienze di gravi patologie e di forte marginalità la possibilità di incontrare e condividere pratiche teatrali – dai laboratori alla realizzazione degli spettacoli – grazie a una relazione continuativa con il regista Maurizio Lupinelli e l’attrice Elisa Pol e confronti con artisti residenti ad Armunia. Questo progetto rappresenta, oltre ad una straordinaria esperienza di integrazione, l’opportunità per queste persone di conquistare autonomie nuove e l’occasione per sperimentare modalità comunicative inesplorate, che hanno permesso loro di arrivare a risultati artistici di grande rilievo, riconosciuti a livello nazionale e internazionale.

 

Alla base c’è la consapevolezza del valore artistico del lavoro con queste persone speciali, che ci mostrano una ricchezza espressiva abitualmente nascosta e fanno germogliare forme di teatro e sperimentazione nuove.

Il Laboratorio Permanente

 

Il Laboratorio Permanente vede la partecipazione di venti persone di età compresa tra i 25 e i 50 anni, portatori di handicap fisico e psichico utenti della Cooperativa Sociale Nuovo Futuro. Si tratta di un gruppo consolidato che dal 2007 prende parte regolarmente ai vari appuntamenti del progetto compresi all’interno dell’orario mattutino della Terapia Occupazionale gestita dalla Cooperativa Nuovo Futuro. Il laboratorio si svolge presso l’Auditorium Danesin di Rosignano Marittimo, ed è inserito nel programma residenze di Armunia. Questo permette momenti di scambio e incontro con altri artisti in residenza e fornisce ulteriori elementi di integrazione e confronto con i protagonisti del panorama teatrale nazionale. Gli spettacoli che solitamente debuttano al Festival Inequilibrio di Castiglioncello (LI) sono stati rappresentati in Italia e all’estero.

 

L’obbiettivo del progetto non è semplicemente quello di realizzare messinscene con interpreti diversamente abili. Gli spettacoli nascono solo quando il tempo è maturo per l’incontro con il pubblico, quando questo incontro scaturisce da un desiderio condiviso. L’intento è quello di contribuire all’acquisizione e al consolidamento di una sempre maggiore capacità e autonomia relazionale ed espressiva da parte dei soggetti coinvolti, far sì che la scena diventi un luogo protetto in cui conoscersi e mettersi in gioco in libertà. In questo senso il progetto prevede un processo creativo pluriennale di studio e ricerca su un autore prima di arrivare alla realizzazione di uno spettacolo. Da questi presupposti è nata una prassi di lavoro che, calibrata sui ritmi più consoni ai soggetti coinvolti, cerca di esplorare il dialogo tra sensibilità particolari e la disciplina del teatro. Il metodo che ne è nato influenza e definisce la drammaturgia e il lavoro con gli attori, che vengono ad essere autori e portatori di materiale umano prezioso e vivo, un metodo che cerca di fare leva sulle potenzialità, le qualità positive e le abilità artisticamente non progettate delle persone diversamente abili.

Trasferibilità del Laboratorio Permanete

 

Il progetto così strutturato si è configurato come oggetto di buone pratiche e nel 2019, grazie al sostegno e all’interessamento dell’assessorato ai servizi sociali, ha visto nascere un progetto analogo e parallelo nel comune di Ravenna, coinvolgendo tre diverse cooperative sociali del territorio (La Pieve, Selenia e San Vitale). Dopo una prima fase di sperimentazione, avviata nel 2019, il progetto proseguirà nel corso del biennio 2020/2021 con l’obiettivo di creare un ponte con l’esperienza del Laboratorio Permanente in Toscana.

Calendario laboratori

giugno 2020 Laboratorio online “Musica da tavola”